Festival di Cannes 2020: Spike Lee è il primo Presidente afroamericano

festival di cannes 2020

Spike Lee è stato nominato ufficialmente Presidente di giuria al Festival di Cannes 2020, l’evento durerà dal 12 al 23 maggio. L’artista è il primo afroamericano ad occupare tale ruolo di prestigio

Sarà il cineasta statunitense Spike Lee a presiedere la giuria del Festival di Cannes 2020, quest’anno arrivato alla sua 73esima edizione. L’evento si terrà dal 12 al 23 maggio nella città francese. Lee vanterà il primato di essere il primo afroamericano ad occupare un simile ruolo, che nel 2019 ha ricoperto il messicano Alejandro G. Iñárritu. Il regista, attore e produttore cinematografico ha dichiarato entusiasta:

Quando sono stato chiamato non potevo crederci: ero felice, orgoglioso e sorpreso allo stesso tempo. Personalmente, il festival del cinema di Cannes (a parte il fatto che è il più grande festival cinematografico del mondo – senza voler offendere nessuno) ha avuto un impatto enorme sulla mia carriera cinematografica. Si potrebbe persino arrivare al punto di dire che Cannes ha plasmato la mia traiettoria nel cinema mondiale. In conclusione, sono onorato di essere la prima persona della diaspora africana a ricoprire questo ruolo.

Una notizia che renderà orgogliosa tutta la comunità afroamericana, ma non solo. Spike Lee, nel corso della sua carriera, si è distinto per il prezioso contributo che ha dato alla settima arte, vincendo ben 4 Oscar: il primo come sceneggiatore di “Fa la cosa giusta”, il secondo per il suo lavoro nel documentario “4 little girls” , il terzo alla carriera e il quarto (e finora ultimo) per la sceneggiatura di “BlacKkKlansman”. Spike Lee vanta, inoltre, una stella con il suo nome sulla Walk of Fame. Nei titoli di testa dei suoi film appare sempre come marchio di fabbrica la seguente scritta: A Spike Lee Joint.

Tra i suoi più celebri lavori ricordiamo: “Lei mi odia”, “Malcolm X”, “Miracolo a Sant’Anna” e “He Got Game”. Lee ha diretto anche alcuni spot della Nike con protagonista il giocatore di basket Michael Jordan che con il cineasta condivide una decennale amicizia. Il produttore cinematografico ha lavorato anche in Italia quando nel 2004 ha diretto uno spot della TIM. Ambito anche in campo musicale, Lee ha lavorato su numerosi videoclip, tra cui: “Do your dance” di Stevie Wonder, “Born to fight” di Tracy Chapman e “Cose della vita” di Eros Ramazzotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *